Comunicati Vento del Leone

Serenissimi: perché dopo 17 anni fare un film?

Apprendiamo dagli organi di stampa che è in presentazione un film sulla liberazione di Piazza San Marco a Venezia, avvenuta nel maggio del 1997. Il Veneto Serenissimo Governo, erede e continuatore della storia, cultura e tradizioni della Veneta Serenissima Repubblica nulla ha da condividere con tale iniziativa; diffida chiunque dall’usare, interpretare o falsificare fatti e le proprie strategie politiche, o strumentalizzare i membri dell’attuale governo per fini promozionali o di distorsione politica. Siamo certi che la pellicola in questione abbia finalità precise: raggruppare veri o presunti venetisti, e dare il via a future liste elettorali, per le prossime elezioni regionali italiane.

Il Veneto Serenissimo Governo inoltre ribadisce che nulla ha a che fare con gli avvenimenti dell’aprile 2014; nessun suo appartenente era implicato, nel contempo ha denunciato quest’iniziativa come una manovra provocatoria dei servizi italiani ed extraeuropei. Il film ne è la logica conseguenza (in maniera consapevole o inconsapevole).

Pertanto il Veneto Serenissimo Governo mette in guardia tutti i patrioti veneti contro qualsiasi provocazione, da qualunque parte essa provenga, e denuncia il tentativo di coinvolgerlo, come è ripetutamente avvenuto, da parte dei servizi italiani e extraeuropei.

Il Veneto Serenissimo Governo lotta per l’indipendenza totale della Veneta Patria.

Il Veneto Serenissimo Governo non è equidistante tra la Federazione Russa e gli USA, ma lotta fianco a fianco con tutti i popoli che si battono per la pace e la propria libertà. Questo fronte è guidato dalla Federazione Russa, da Israele, dall’Egitto; e ha come nemici il terrorismo e i suoi ispiratori e finanziatori.

Con ciò abbiamo detto tutto, in maniera chiara e inequivocabile.

 

Longarone 27 agosto 2014

 

Per il Veneto Serenissimo Governo

Ministro della Giustizia                                                     Ministro degli Interni

Andrea Viviani                                                           Valerio Serraglia

Commenti