Ringraziamento al movimento riforme e al giornale "LIBERO"

Il Veneto Serenissimo Governo ringrazia il Movimento Riforme, Giuliana Olcese, Virusilgiornaleonline, i giornalisti Renato Farina, Tiziana Maiolo, Cristiana Lodi e il direttore di Libero Vittorio Feltri per quanto hanno fatto, stanno facendo e faranno per i Patrioti Veneti detenuti nelle carceri italiane o privati della loro libertà.

Il Veneto Serenissimo Governo ringrazia il Movimento Riforme, Giuliana Olcese, Virusilgiornaleonline, i giornalisti Renato Farina, Tiziana Maiolo, Cristiana Lodi e il direttore di Libero Vittorio Feltri per quanto hanno fatto, stanno facendo e faranno per i Patrioti Veneti detenuti nelle carceri italiane o privati della loro libertà. Questa è una vergogna che è lì a cospetto dell’Europa e del mondo, i quali fino ad ora hanno fatto finta di non vedere.
Il fatto stesso che si chieda ai patrioti di rinnegare la storia della propria terra, le proprie idee, la propria dignità accomuna questo regime all’inquisizione, e a Visinski (presidente del tribunale dei processi a Mosca del 1936).
Se la precondizione per concedere la libertà è quella di rinunciare alle proprie idee ciò è già di per sé un crimine, qui va fatta chiarezza: il Patriota Luigi Faccia e Giuseppe Segato non sono in galera per i fatti connessi all’azione del 8-9 maggio 1997 (campanile di San Marco) ma perché non hanno rinunciato alle loro idee di ridare dignità di Nazione Storica d’Europa alla Veneta Serenissima Repubblica.
Noi Veneto Serenissimo Governo domandiamo a questo Stato: che diritto ha di chiedere agli altri paesi il rispetto dei più elementari diritti di libertà politica quando esso stesso si comporta come si sta comportando?
Il Veneto Serenissimo Governo chiede la libertà immediata e senza condizioni per i Patrioti Veneti e per tutti i prigionieri politici detenuti nelle carceri italiane. I Patrioti e i sinceri democratici devono fare di questa battaglia l’asse portante di una più vasta battaglia per la libertà dei popoli e il loro libero arbitrio.

Per il Veneto Serenissimo Governo
Valerio Serraglia