Caro Passera la penisola non è il Texas!!!

Quando sentiamo parlare il cosiddetto Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera ci sembra di sentire parlare un dissociato che da aria alla bocca infischiandosene delle conseguenze delle sue azioni. Con l’ultima dichiarazione siamo arrivati al limite del crimine contro l’umanità e i patrimoni naturali ed artistici della penisola, questo “luminare” ha affermato che la via per la crescita e la ripresa sta negli idrocarburi (come se la penisola italiana fosse il Texas del mediterraneo) e nel contempo ha tagliato gli incentivi alle energie rinnovabili…


Quando sentiamo parlare il cosiddetto Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera ci sembra di sentire parlare un dissociato che da aria alla bocca infischiandosene delle conseguenze delle sue azioni. Con l’ultima dichiarazione siamo arrivati al limite del crimine contro l’umanità e i patrimoni naturali ed artistici della penisola, questo “luminare” ha affermato che la via per la crescita e la ripresa sta negli idrocarburi (come se la penisola italiana fosse il Texas del mediterraneo) e nel contempo ha tagliato gli incentivi alle energie rinnovabili. A fronte di questi provvedimenti e dichiarazioni d’intenti ognuno può capire l’ignoranza e la malvagità di questo ministro dello Stato occupante italiano.
Questo “manager” che ha sempre basato la propria azione sul solo profitto personale e sulla propria megalomania, ora vuole far ricadere la propria azione di governo sui popoli della penisola e sulla natura stessa. Non è bastato capire che le concause del terremoto in Emilia sono state le trivellazioni per l’estrazione degli idrocarburi per fermare le sciagurate politiche petrolifere italiane? Non sono bastate le catastrofi ambientali dovute alla perforazione e al trasporto degli idrocarburi per capire che è giunto il tempo di cambiare rotta dal punto di vista energetico?
La penisola italiana ha degli inestimabili tesori paesaggistici e naturali che sarebbero messi a serio rischio dai propositi criminali del Ministro Passera. Per quanto riguarda l’aspetto energetico, mentre il mondo sta puntando fortemente sulle energie rinnovabili per sostituirle progressivamente agli idrocarburi, questo genio della finanza procede totalmente in modo antistorico per rendere ancora di più la penisola dipendente dalla finanza e per avallare un sistema di potere che ha causato una serie interminabile di conflitti in ogni angolo del mondo per l’egemonia energetica.
Come Veneto Serenissimo Governo non possiamo stare in silenzio di fronte a questo insulto al buon senso comune e di fronte a questi propositi criminali, la nostra linea per la politica energetica e un progressivo passaggio ad un’autogestione delle fonti energetiche rinnovabili presenti nel territorio Veneto: idroelettrica, geotermica, eolica, solare. Solo puntando su le energie rinnovabili potremmo pensare ad un mondo diverso e non sotto ricatto dell’OPEC.
Per quanto riguarda il Ministro Corrado Passera chiediamo alla Corte Penale Internazionale di aprire un fascicolo per le possibili azioni criminose causate dalla politica di “sviluppo” portata avanti da tale ministro. Ciò che sta progettando Corrado Passera come Ministro dello Stato occupante italiano, attraverso la sua politica energetica, in modo diretto o indiretto potrà andare a danneggiare i 47 siti della penisola italiana dichiarati dall’UNESCO di valore universale. Il Veneto Serenissimo Governo chiama alla vigilanza tutto il Popolo Veneto, ed invita a segnalare alla Corte Penale Internazionale http://www.icc-cpi.int/ e all’UNESCO http://www.unesco.org i crimini dei governanti dello Stato occupante italiano nei confronti dei popoli e dei patrimoni della penisola.
Longarone, 13 agosto 2012

Per il Veneto Serenissimo Governo
il Vicepresidente
Demetrio Serraglia