Gli insegnamenti della Catalogna

Il Vice Presidente del Veneto Serenissimo Governo, Valerio Serraglia, si è recato in Catalogna, dove ha incontrato i patrioti catalani  impegnati nelle ultime lotte per la loro terra.

Si sono esaminati, al di là dell’adesione entusiastica del popolo catalano alla lotta per l’indipendenza, gli errori tattico-strategici dei dirigenti della “Generalitat de Catalunya” e in particolare dell’allora Presidente Puigdemont; convenendo che non si può stare all’interno delle strutture statali (Spagna) e nel contempo sperare, volere e pretendere di ottenerne l’indipendenza.

Sono evidenti a tutti le analogie tra Madrid e Barcellona con Roma e Venezia; quindi la sconfitta apparente della lotta del popolo catalano è da imputare, in gran parte, a Puigdemont e a tutti quanti hanno privilegiato quella strada.

Altro errore strategico è stato richiedere la comprensione della Comunità Europea (UE) per questo inalienabile diritto.

In virtù di tali considerazioni si è convenuto che la UE è la concentrazione di interessi antagonisti ai nostri popoli, quindi va combattuta e disgregata.

Noi, come Veneto Serenissimo Governo, erede e continuatore della storia, cultura e tradizioni della Veneta Serenissima Repubblica, ci siamo impegnati a lottare contro chi, nel nostro Veneto, vuole seguire la perdente via di Puigdemont (Zaia e la Lega).

I patrioti catalani e veneti si impegnino a lottare per l’indipendenza totale delle loro Patrie e per la disgregazione della UE.

Girona, 24 Marzo 2019 

 

Veneto Serenissimo Governo