Il meglio del peggio

Sparisce il governo Conte, quello degli incapaci, incompetenti, saltafossi.

Dopo lunga, dolorosa e dannosa malattia il governo Conte è finito nel letamaio della storia.

Questa crisi è di sistema, e comunque irreversibile, (quando fuggiranno a Brindisi?). E’ solo questione di tempo per la trasformazione istituzionale in un qualcosa di diverso e nuovo.

Noi veneti abbiamo già tracciato e ci siamo avviati nella strada indicata dal referendum del 2017, che ha dimostrato, senza ombra di dubbio, la nostra volontà a determinare il nostro destino.

Siamo consapevoli  che il processo sarà complesso e faticoso, ma siamo decisi a completare la strada intrapresa entusiasticamente nell’ottobre 2017.

La nostra proposta è quella di avviare un tavolo di trattative con l’Italia, per rifare il referendum truffa del 1866, aventi come garanti sul piano internazionale Francia e Austria (già garanti dei trattati di Praga e di Vienna del 1866).

Il referendum che noi proporremo avrà come quesito: “Noi veneti dichiariamo la nostra volontà di ricostituire la Veneta Serenissima Repubblica, libera e indipendente, guidata da un governo rappresentativo della volontà delle donne e degli uomini veneti.”

Attorno a questo obiettivo uniamoci tutti, per difendere le nostre famiglie, la nostra terra, il nostro onore, la nostra dignità.

Non facciamoci rapinare dall’Italia, che ci sta succhiando il prodotto del nostro sudore, sprecando  il nostro lavoro.

I veneti hanno dimostrato da sempre di essere in grado di autodeterminarsi e di lavorare per risorgere.

AVANTI FINO ALLA LIBERTA’

Venezia-Longarone 05 febbraio 2021

Per il Veneto Serenissimo Governo

Il Presidente  Luca Peroni