Conclusione positiva dello SPIEF 2017

Riceviamo e pubblichiamo
Da S.Pietroburgo

Oggi, 03 giugno 2017, la delegazione di Radio Nazionale Veneta ha continuato e concluso gli
incontri programmati nell’ambito dell’invito ricevuto, stabilendo un calendario di lavori fino al
prossimo appuntamento con lo SPIEF 2018.
Particolarmente interessanti sono gli inviti a visitare alcune regioni della Federazione Russa, dove
avremo l’occasione di illustrare in modo approfondito il nuovo piano economico per la rinascita del
Veneto.
Abbiamo ricevuto anche la proposta di visitare la Repubblica di Crimea, per poter far conoscere la
realtà di questa terra dopo il referendum per la sua autodeterminazione.
Radio Nazionale Veneta nonostante le difficoltà e gli sforzi si impegna a continuare su questa
strada.
Radio   Nazionale   Veneta   si   complimenta   con   la   Direzione   dell’evento   e   la   ringrazia   per
l’organizzazione e per aver facilitato il nostro lavoro.
San Pietroburgo sabato 03 giugno 2017
Radio Nazionale Veneta
www.radionazionaleveneta.org
e-mail:
radio@radionazionaleveneta.org,valerio.serraglia@libero.it,kancelliere@katamail.com
Tel. +39 3287051773 — +39 3406613027




Corrispondenza dallo SPIEF 2017

Riceviamo e pubblichiamo
Da S.Pietroburgo

 

Corrispondenza dallo SPIEF 2017

“San Pietroburgo International Economic Forum”

I lavori di questo Forum sono importanti e determinanti per i futuri assetti geopolitici a livello internazionale.

A tre anni dall’inizio delle sanzioni economiche contro il Popolo Russo, a seguito del colpo di stato attuato contro il legittimo Presidente Ucraino Yanukovich da bande neofasciste seguaci di Bandera sotto la guida di Obama e del suo braccio destro Mc Cain, la federazione Russa ha deciso di attuare delle contromisure di livello globale, elaborando un piano economico che si sviluppa prevalentemente verso est, vedi gli accordi con la Repubblica Popolare Cinese, e quelli stipulati in questi giorni con l’India, in concomitanza con il Forum economico.

Inoltre l’unione Euroasiatica si sta sempre più rafforzando, integrandosi e allargandosi.

Tutto questo avviene grazie agli sforzi della Federazione Russa e del suo Presidente Vladimir Putin i quali hanno cercato di sviluppare relazioni positive, sul piano politico-economico-militare, dopo il fallimento degli accordi di Pratica di Mare del 2002, che dovevano evitare conflittualità con l’occidente.

Questi accordi sono stati disattesi in maniera subdola e provocatoria da parte di Bush e di Obama, seguiti in maniera pedissequa dalla UE e dalla Nato. Tutto questo è stato, e sarà sempre più, un autogol.

Chi ne ha tratto beneficio e chi invece no?

E’ evidente a tutti che la UE ne ha subito i più tragici contraccolpi. Mentre la Federazione Russa, dopo gli iniziali problemi non secondari ha dovuto rivedere la propria politica industriale e agricola, che in buona sostanza ha significato non usare introiti energetici per acquistare prodotti dall’estero, ma per investire nell’industria e nell’agricoltura nazionale: L’Ucraina era una palla al piede della Federazione Russa, in quanto i suoi prodotti erano scadenti e ottenuti con industrie obsolete e l’agricoltura non era all’altezza né da un punto di vista organolettico né sanitario.

Il Presidente Vladimir Putin nel suo intervento al Forum, venerdì 02 giugno dalle ore 14:31 alle 17:02 è stato non solo tagliente, ironico e brillante, ma ha delineato una nuova politica economica nazionale, puntando tutto sull’introduzione di nuove tecnologie per non solo mettersi alla pari delle industrie più sviluppate ma avendo la possibilità di introdurre tecnologie di ultima generazione e quindi diventare non solo competitivo ma essere all’avanguardia del mondo industriale più avanzato. Gli accordi con altre nazioni, come la Cina e l’India e altri paesi medi e piccoli, creeranno un mercato che metterà, senza ombra di dubbio, in crisi l’attuale sistema commerciale. Tutto Questo necessita di altri 2-3 anni; il 2020 sarà l’anno di svolta.

San Pietroburgo venerdì 02 giugno 2017

Radio Nazionale Veneta

www.radionazionaleveneta.org

e-mail: radio@radionazionaleveneta.org, valerio.serraglia@libero.it, kancelliere@katamail.com,

Tel. +39 3287051773 — +39 3406613027




Partecipazione di Radio Nazionale Veneta allo SPIEF 2017 “San Pietroburgo International Economic Forum”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
Da S.Pietroburgo

Partecipazione di Radio Nazionale Veneta allo SPIEF 2017 “San Pietroburgo International Economic Forum

La delegazione di Radio Nazionale Veneta ha avuto degli incontri con esperti di economia Euroasiatica e ha gettato le basi per un futuro positivo dialogo che metterà a disposizione del Popolo Veneto.

San Pietroburgo
01 giugno 2017
www.radionazionaleveneta.org

e-mail: radio@radionazionaleveneta.org, valerio.serraglia@libero.it, kancelliere@katamail.com,

Tel. +39 3287051773 — +39 3406613027




Radio Nazionale Veneta a Spief 2017

Vai alla sezione

“Riceviamo e pubblichiamo”

SPIEF

Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo

1- 2- 3 Giugno 2017

Una qualificata e numerosa rappresentanza di Radio Nazionale Veneta parteciperà ai lavori del Forum. La delegazione è così composta:

Valerio Serraglia,Presidente R.N.V.(esperto di economia sociale,ha appena consegnato alle stampe uno scritto dal titolo “Indipendenza e sviluppo del Veneto-Piano Economico-Piano Guardiola”);

Andrea Viviani,Caporedattore di R.N.V.;

Luca Peroni,responsabile per il Caucaso di R.N.V.;

Graziella Corvi,speaker di R.N.V.;

Flavia Ferrazzi,Segretaria di Redazione di R.N.V.

L’impegno che ci siamo posti è partecipare e diffondere i lavori di quest’importantissimo Forum Economico,inoltre ci poniamo l’obiettivo di illustrare le molteplici possibilità offerte dal Veneto nel quadro dei nuovi assetti geopolitici-economici.

Nel contempo R.N.V. produrrà un servizio ,in occasione del centesimo anniversario della Rivoluzione del 1917.

Per Radio Nazionale Veneta

                                                     Andrea Viviani




Russia, Putin sarà al 21esimo Forum Economico Internazionale (SPIEF) di San Pietroburgo

l presidente russo Vladimir Putin arriverà a San Pietroburgo per partecipare al Forum Economico Internazionale (SPIEF) il 2 giugno e interverrà a un incontro con alti funzionari indiani e austriaci. Lo ha annunciato il consigliere presidenziale Anton Kobyakov. “La cerimonia di apertura ufficiale del Forum con la partecipazione degli ospiti di alto livello si svolgerà il 1 giugno – ha ricordato -. Una sessione plenaria con la partecipazione del presidente russo Vladimir Putin, del primo ministro indiano Narendra Modi e del cancelliere federale austriaco Christian Kern, avrà luogo il 2 giugno. Sarà l’evento centrale”. Il 21esimo Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo – importante appuntamento economico e economico della Russia – si terrà il 1 giugno con l’obiettivo di promuovere un dialogo reciprocamente vantaggioso con la comunità internazionale su questioni chiave globali in materia di economia e finanze. Finora i ministri di 26 paesi hanno confermato la loro partecipazione al forum, mentre il numero complessivo stimato di partecipanti, composto da imprenditori e rappresentanti di diverse organizzazioni come l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), è di oltre 5.000 persone.