Comunicati Notizie

Diciotti. Dove vanno

image_pdfimage_print

Domenica 26 agosto 2018 riunione straordinaria del Veneto Serenissimo Governo a Longarone, per esaminare la triplice intesa tra il Ministro degli interni Matteo Salvini, Magistratura, Vaticano (Conferenza Episcopale Italiana).

Dopo una sceneggiata durata 5 giorni, con una regia alla Mario Merola, tutto si è incastrato in un “puzzle” preordinato. La magistratura ha fatto la voce grossa contro il Ministro degli interni Salvini, il quale è diventato un “martire”, in tutti i casi non avrebbe subito nessuna conseguenza penale, ovviamente. Il Vaticano, tramite la C.E.I. è stato l’anello di congiunzione per introdurre questi immigrati di dubbia natura giuridica nella penisola italiana, creando così un precedente per i prossimi sbarchi, naturalmente. Nessuno di questi andrà a soggiornare nello stato del Vaticano, o in altri paesi, attraverso la C.E.I. Tutti gli sbarcati a suo carico ce li ritroveremo nelle nostre città, nei nostri borghi, nelle nostre case ed economicamente a carico delle nostre comunità.

In questo contesto il Veneto Serenissimo Governo fa appello al popolo veneto e a tutti i fratelli popoli della penisola a non farsi ingannare da queste squallide sceneggiate, ma ad intensificare il contrasto all’invasione, contro chi la stimola, la favorisce e non la ferma.

Questi immigrati prendano esempio dai nostri partigiani, che, armi in pugno e con il sacrificio del loro sangue, hanno  cacciato la canaglia nazifascista: tutti noi siamo disposti a dare loro, a casa loro, tutti gli aiuti necessari, di qualsiasi genere, per la loro lotta di liberazione contro il terrorismo islamico, fino alla conquista dell’autodeterminazione. Dimostrino di essere disposti a sacrificarsi per il loro paese e non  venendo a elemosinare la nostra compassione.

Popolo Veneto lottiamo senza paura contro la triplice intesa (Salvini-Magistratura-C.E.I.)

Smascheriamo le tragiche buffonate di Matteo Salvini.

Longarone-Venezia 26 agosto 2018

Il Presidente del Veneto Serenissimo Governo

Luca Peroni

Commenti